vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Strumenti e Metodi per la valutazione quantitativa del rischio in Impianti di Processo e nel Trasporto di Sostanze Pericolose

Parole chiave: analisi di rischio; condotta; contaminazione ambientale; ferrovia; impianti di processo; routing; sostanze pericolose; strada; trasporto.

La concentrazione di attività industriali situate in prossimità di aree residenziali ed il trasporto di sostanze pericolose pone diversi problemi per le aziende e le autorità pubbliche, quali la pianificazione territoriale, il controllo dei rischi e la risposta a possibili emergenze. Il processo decisionale richiede l'analisi di una grande quantità di informazioni sulle fonti di rischio, sulla modellazione degli incidenti, sulla distribuzione della popolazione, ecc.; il trattamento di tali in-formazioni ha bisogno del supporto di adeguati strumenti informatici. ARIPAR e TRAT sono due pacchetti software che implementano una metodologia probabilistica per la valutazione dei rischi in aree industriali complesse, compreso il trasporto di sostanze pericolose, al fine di ottenere diverse misure del rischio.

L’attività di ricerca su questo tema riguarda sia il miglioramento ed il consolidamento delle metodologie di valutazione quantitativa del rischio, sia l’identificazione e l’analisi degli scenari incidentali specifici. Particolare attenzione è stata dedicata allo sviluppo di metodi per l’analisi del rischio dovuto al trasporto su strada, su ferrovia ed in condotta di sostanze pericolose, con riferimento al rischio sia per l’uomo sia per i comparti ambientali. Ciò risponde a un duplice obiettivo: lo sviluppo di modelli metodologici per la stima del rischio e l’individuazione di possibili strategie per la riduzione del rischio medesimo.

Relativamente alla mitigazione del rischio, sono stati investigati principalmente aspetti legati alla protezione da incendio in impianti fissi e nel trasporto di sostanze pericolose, con la valutazione, anche sperimentale, delle prestazioni di materiali di protezione passiva e con lo sviluppo di criteri di applicazione basati sul rischio. E’ stata sviluppata una metodologia “risk-based” per l’individuazione delle zone di impianto da proteggere ed uno specifico approccio basato su un’analisi costi-benefici per l’applicazione di sistemi per la protezione da incendio a vettori di trasporto.

Principali pubblicazioni

N.Paltrinieri, S.Bonvicini, G.Spadoni, V.Cozzani, 2012, Cost-Benefit Analysis of Passive Fire Protections in Road LPG Transportation, Risk Analysis, 32, 200-219.

G.Landucci, A.Tugnoli, V.Busini, M.Derudi, R.Rota, V.Cozzani, 2011, The Viareggio LPG accident: Lessons learnt, Journ. Loss Prev., 24(4), 466-476.

N.Paltrinieri, G.Landucci, M.Molag, S.Bonvicini, G.Spadoni, V.Cozzani, 2009, Risk reduction in road and rail LPG transportation by passive fire protection, Journ. Haz. Mat., 167, 332-344.

D.Monaci, S Bonvicini, G Antonioni, V. Cozzani, G.Uguccioni, 2008, Quantitative assessment of the risk associated to the transport of hazardous substances by pipeline, Proceedings of CISAP3, 3rd International Conference on Safety & Environment in Process Industry (Rome (I), 11-14 May 2008), Chemical Engineering Transactions.

S.Bonvicini, G.Spadoni, 2008, A hazmat multi-commodity routing model satisfying risk criteria: a case study, Journ. Loss Prev., 21(4), 345-358.

V.Cozzani, S.Bonvicini, G.Spadoni, S.Zanelli, 2007, Hazmat transport: A methodological framework for the risk analysis of marshalling yards, Journ. Haz. Mat., 147(1-2), 412-423.

M.F.Milazzo, R.Lisi, G.Maschio, G.Antonioni, S.Bonvicini, G.Spadoni, 2002, HazMat transport through Messina town: from risk analysis suggestions for improving territorial safety, Journ. Loss Prev., 15(5) 347-356.

P.Leonelli, S.Bonvicini, G.Spadoni, 1999, New detailed numerical procedures for calculating risk measures in hazardous materials transportation, Journ. Loss Prev., 12(6), 507-515.

Progetti di ricerca correlati

Convenzione quinquennale con l’Agenzia di Protezione Civile della Regione Emilia Romagna avente ad oggetto: “Attività di Protezione Civile di competenza regionale in materia di rischi connessi con le attività industriali e i trasporti di sostanze pericolose”. Responsabile: Gigliola Spadoni (2008-2012)

Convenzione con il Comune di Ferrara su: “Indagine sul rischio di incidente rilevante da condotte di trasporto di sostanze infiammabili e tossiche”. Responsabile: Gigliola Spadoni (2007)

Convenzione con Trenitalia relativa a: “Analisi di rischio nel trasporto ferroviario di propilene da Brindisi a Terni”. Responsabile: Gigliola Spadoni (2004)

Convenzione con RFI – Rete Ferroviaria Italiana nell’ambito del progetto: "Piano operativo Merci Pericolose". Responsabile: Gigliola Spadoni (2002)

Convenzione con ITALFERR s.p.a. nell’ambito del progetto: "Riduzione del rischio nel trasporto ferroviario di merci pericolose". Responsabile: Gigliola Spadoni (2000)

Progetto Giovani Ricercatori dell’Università di Bologna su: “Valutazione del rischio ambientale dovuto al trasporto in condotta di sostanze pericolose”. Responsabile: Sarah Bonvicini (2000)

Contratto di Ricerca Triennale del CNR - Consiglio Nazionale delle Ricerche / G.N.D.R.C.I.E. - Gruppo Nazionale per la Difesa dai Rischi Chimico-Industriali ed Ecologici relativo a: “Procedure, strumenti di calcolo e linee guida per la valutazione del rischio dei trasporti stradali e ferroviari di sostanze pericolose e per il calcolo della distribuzione ottimale dei flussi”. Responsabili: Paolo Leonelli, Sarah Bonvicini (2000-2002)

Contratto di Ricerca Triennale del CNR “Ottimizzazione nel trasporto di sostanze pericolose”. Responsabile: Gigliola Spadoni (1996-1998)